9. Gioventù e mondo

I giovani in Italia sono coinvolti in vari modi nelle questioni globali, dalle attività di volontariato all'istruzione formale e informale, ma sono anche oggetto di specifiche politiche giovanili, in particolare nei settori dello sviluppo sostenibile, dell'ambiente, della transizione ecologica e della diplomazia pubblica, anche a livello internazionale.

In questo contesto, dal 2015, i giovani non sono solo beneficiari dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, ma anche attori attivi della sua attuazione. L'Agenda 2030 e le sue implementazioni nazionali richiedono lo sviluppo e l'attivazione di politiche e azioni per la gioventù, per garantirne la piena attuazione. La maggior parte delle politiche e dei programmi attivi attraverso i quali i giovani vengono coinvolti nelle questioni globali a livello nazionale sono inscritti nella logica della sostenibilità ambientale, sociale ed economica promossa dall’Agenda 2030. 

In Italia, i giovani sono attualmente coinvolti in tre principali temi globali: la Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile, che prevede scambi con i politici a livello globale, e il cambiamento climatico. In tale contesto, le principali azioni e iniziative comprendono l'attivazione di un gruppo giovanile nell'ambito del Forum per lo Sviluppo Sostenibile, promosso dal nuovo Ministero per la Transizione Ecologica, che partecipa al processo di revisione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS); l'organizzazione dei vertici Y7 e Y20 da parte della Young Ambassadors Society, rispettivamente nel Regno Unito e in Italia, con le delegazioni giovanili italiane; l'organizzazione di eventi di alto livello per i giovani e la loro inclusione nella preparazione delle Convenzioni delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici pre-cop26 (Milano 2021) e COP26 (Glasgow 2021). 

Allegati