Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Il Dialogo dell’Unione Europea con i giovani

Il Dialogo dell’UE con i Giovani è il meccanismo di consultazione tra le associazioni giovanili e i decisori politici, promosso dalla Strategia dell’UE per la Gioventù al fine di garantire che le opinioni e le esigenze dei giovani siano presi in considerazione nella definizione delle politiche pubbliche.

Si articola in cicli di lavoro di 18 mesi, coordinati ciascuno dal trio di presidenza del Consiglio dell’UE, che insieme al Forum Europeo dei Giovani individuano priorità tematiche collegate ad uno o più Obiettivi per la Gioventù (Youth Goals).  

Al fine di sostenere l'attuazione del Dialogo, in ogni Stato membro sono istituiti Gruppi di Lavoro Nazionali. In Italia, il Gruppo di Lavoro è composto dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale, dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e presieduto dal Consiglio Nazionale dei Giovani.  Il suo compito principale è quello di promuovere, a livello nazionale, le consultazioni dei giovani, che si svolgono attraverso questionari, interviste e focus group e di creare occasioni di incontro e dialogo con i responsabili politici.

Al termine delle consultazioni nazionali ed europee, i risultati vengono raccolti, analizzati e ulteriormente discussi alle Conferenze della Gioventù dell’UE che si svolgono due volte l’anno e sono ospitate dal Paese che detiene la Presidenza dell’Unione. In questa sede, i rappresentanti dei giovani e i responsabili politici hanno l’opportunità di dialogare e condividere conclusioni comuni che vengono presentate al Consiglio dell’UE attraverso il Gruppo Gioventù.

Il sesto ciclo del Dialogo (luglio 2016-dicembre 2018) è stato particolarmente significativo in quanto ha permesso ai giovani di contribuire alla definizione della Strategia dell'UE per la gioventù 2019-2027. Durante la Conferenza della Gioventù di Sofia del 2018 sono stati infatti definiti 11 Obiettivi per la gioventù europea (Youth Goals) che sono divenuti parte integrante della Strategia adottata nel novembre 2018.

Gli Youth Goals sono i seguenti:

  1. Connettere l'Unione europea con i giovani
  2. Uguaglianza di genere
  3. Società inclusive
  4. Informazione e dialogo costruttivo
  5. Salute e benessere mentale
  6. Far avanzare la gioventù rurale
  7. Occupazione di qualità per tutti
  8. Apprendimento di qualità
  9. Spazio e partecipazione per tutti
  10. Europa verde sostenibile
  11. Organizzazioni giovanili e programmi europei

Il settimo ciclo (gennaio 2019-dicembre 2020) sotto il trio di presidenza di Romania, Finlandia e Croazia ha avuto come priorità tematica "Creare opportunità per i giovani" collegata a tre obiettivi per la gioventù: #7 occupazione di qualità per tutti, #8 Apprendimento di qualità e #6 Far avanzare la gioventù rurale. Le raccomandazioni emerse sono state riprese nella Risoluzione del Consiglio sui risultati del 7º ciclo del dialogo dell'UE con i giovani.

L’ottavo  ciclo (gennaio 2021-giugno 2022) sotto il trio di Presidenza Tedesca, Portoghese e Slovena ha affrontato il tema "Europe for YOUth - YOUth for Europe: Space for Democracy and Participation" (L'Europa per la giovenTU - la giovenTU per l'Europa: uno spazio per la democrazia e la partecipazione) collegato all’obiettivo per la gioventù # 9 Spazio e partecipazione per tutti.  Le raccomandazioni emerse sono state riprese nella Risoluzione del Consiglio sui risultati dell'8º ciclo del dialogo dell'UE con i giovani.

Il nono ciclo che si svolge sotto il trio di Presidenza Francese, Ceca e Svedese è iniziato il 1 gennaio 2022. La priorità tematica scelta è "Un'Europa sostenibile e inclusiva" ed è collegata agli obiettivi per la gioventù # 3 Società inclusive e # 10 Europa verde sostenibile.

La Conferenza della Gioventù della Presidenza Ceca si è svolta a Praga nel luglio 2022 ed ha discusso esempi di buone pratiche in tema di inclusione e sostenibilità.

Per saperne di più consulta: