Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

D.M. 11 maggio 2018 n. 58: "Disposizioni sulle caratteristiche e sulle modalità di redazione, presentazione e valutazione dei progetti di servizio civile universale in Italia e all'estero"

E' approvato l'unito provvedimento recante "Disposizioni sulle caratteristiche e sulle modalità di redazione, presentazione e valutazione dei progetti di Servizio civile universale in Italia e all'estero", che costituisce parte integrante del presente decreto e sostituisce il "Prontuario concernente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzarsi in Italia e all'estero, nonché i criteri per la selezione e l'approvazione degli stessi", approvato con il D.M. 5 maggio 2016.

ERRATA CORRIGE

A seguito di errori formali si è reso necessario, per evitare equivoci interpretativi, apportare due modifiche alle “Disposizioni sulle caratteristiche e sulle modalità di redazione, presentazione e valutazione dei progetti di Servizio civile universale in Italia e all’estero” pubblicate in data 31 maggio 2018 come di seguito indicato; si precisa che si tratta di meri errori formali:

  • il punto e) alla pagina 10, paragrafo 9.2 – Valutazione dei progetti;

e) i progetti siano palesemente simili in relazione alle voci 6, 7, 8 e 25 per i progetti in Italia e alle voci 6, 7, 8, 9 e 33 per i progetti all’estero presentati dallo stesso ente (stiamo verificando la numerazione);

 è così sostituito:

e) i progetti siano palesemente simili in relazione alle voci 7, 8, 9 e 26 per i progetti in  Italia e alle voci 7, 8, 9, 10 e 33 per i progetti all’estero presentati dallo stesso ente.

  •  la dicitura alla pagina 8, paragrafo 8 –Elementi essenziali dei Progetti all’estero;

- permanenza degli operatori volontari nelle sedi dei paesi esteri dove si realizza il progetto per un periodo minimo di 5 mesi (per i progetti di durata dagli 8 ai 9 mesi), di 6 mesi (per i progetti di durata di 10 mesi) e 7 mesi (per i progetti di durata di 12 mesi);

 è così sostituita:

- permanenza degli operatori volontari nelle sedi dei paesi esteri dove si realizza il progetto per un periodo minimo di 5 mesi (per i progetti di durata di 8 o di 9 mesi), di 6 mesi (per i progetti di durata di 10 o di 11 mesi) e 7 mesi (per i progetti di durata di 12 mesi);

Per facilitare la consultazione del documento, riportiamo anche il testo delle Disposizioni delle  emendato secondo l’errata corrige sopra riportata, con aggiornamento alla data del 19 giugno 2018.

Allegati