Skip to the content

 
 

Conferenza dei Ministri della Gioventù del 19 maggio 2020

Il 19 maggio i Ministri della Gioventù dell’Unione Europea o i loro delegati, hanno partecipato a una video conferenza presieduta dalla Ministra Croata, della Demografia, della famiglia, della gioventù e della politica sociale Vesna Bedeković, per uno scambio di opinioni sull'impatto della pandemia di Covid-19 sui giovani e sulle organizzazioni giovanili. Per l’Italia, su delega del Ministro on. Vincenzo Spadafora, è intervenuto il dott. Flavio Siniscalchi, Capo del Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

I principali temi affrontati durante la discussione sono stati la mobilità ridotta, il calo di partecipazione dei giovani ai processi decisionali, l'accesso limitato a diversi servizi e opportunità di lavoro, la necessità di un maggiore uso degli strumenti digitali e le sfide legate all'attuazione delle attività nell'ambito di Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà, ed infine la necessità di assicurare supporto finanziario sia a livello nazionale che europeo alle organizzazioni giovanili.

L’intervento italiano ha affrontato vari temi e in particolare ha sottolineato l’importante risposta all’emergenza Covid-19 delle organizzazioni giovanili  che, in stretto contatto con questo Dipartimento con l’Agenzia Nazionale Giovani e tramite il Consiglio Nazionale Giovani, hanno saputo adottare metodi e idee creative ed innovative.  E’ stato evidenziato come il sistema “Servizio civile” ha saputo reagire rapidamente mostrando una grande flessibilità anche nel momento più acuto della crisi; oltre 24.000 volontari su circa 30.000 sono tornati in servizio anche rimodulando i progetti originali in nuove attività volte a contrastare la crisi e fornendo supporto a livello locale, alla protezione civile, alla formazione e ai servizi assistenziali. L’Italia ha inoltre condiviso l’approccio flessibile adottato dalla Commissione europea nelle gestione dei programmi Erasmus+ ed il Corpo Europeo di Solidarietà e ha concluso con un appello alla Commissaria Gabriel per intervenire nell’ambito dei negoziati sul quadro finanziario pluriennale e per assicurare le dovute risorse alle politiche a favore dei giovani, con l’augurio di vedere quanto prima la proposta della Commissione sul Recovery Fund.

 

Data di pubblicazione 27 maggio 2020