Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

FAQ di Avviso per la presentazione di progetti relativi a "Orientamento e placement giovani talenti"

Il doppio del finanziamento richiesto si riferisce al doppio dellimporto del cofinanziamento pubblico richiesto nella proposta progettuale presentata.

No, il requisito deve essere rispettato dal soggetto Capofila dellATS, ai sensi dellart. 3, punto 8) che recita: Il soggetto proponente, singolo o capofila di ATS, deve aver realizzato, negli ultimi 3 anni (2013 - 2015), attività riconducibili agli ambiti di intervento individuati al precedente art. 1, per un importo complessivamente pari ad almeno il doppio del finanziamento richiesto.

Nelle forme previste dalla normativa vigente in materia.

LAvviso dà indicazioni in proposito, la valutazione della coerenza delle finalità della proposta progettuale presentata, rispetto allambito di intervento dellAvviso, rientra nelle specifiche funzioni della Commissione di valutazione che sarà successivamente nominata.

No, in ogni caso, si tratta di valutazioni riservate esclusivamente alla Commissione di valutazione che sarà alluopo nominata.

Sono ammissibili solo le attività coerenti con le finalità dellAvviso.

Limporto riconducibile alle attività è da intendersi come finanziamento effettivamente ricevuto da enti pubblici e privati.

Per importo riconducibile si deve intendere esclusivamente il contributo ricevuto per la realizzazione della parte progettuale coerente con le finalità dellAvviso.

Le notizie relative agli associati esterni devono essere descritte in modo puntuale ed esauriente nella Scheda di progetto allegato B dellAvviso - e devono essere sostenute da documenti ufficiali da tenere a disposizione dellAmministrazione per eventuali controlli.

No, ai sensi dellart. 3, punto b, le imprese sociali ex legge n. 118/2005, possono partecipare solo in qualità di Associato interno dellATS.

Il costo totale del progetto è da intendersi pari al cofinanziamento pubblico richiesto più il 25% di cofinanziamento a carico del proponente, fermo restando quanto stabilito dallart. 4, punto 4.

Pur non essendo indicata tra le cause di esclusione, di cui allart. 7 dellAvviso, il superamento dellapplicazione della regola del de minimis deve essere dichiarata nella domanda di partecipazione con la quale si attesta di non aver beneficiato, nel corso dellesercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti, di altri aiuti a titolo de minimis ovvero che il cofinanziamento richiesto non determina il superamento del limite massimo di aiuti de minimis nel triennio stabilito dalla normativa.

Se si tratta di soggetto profit la risposta è negativa. La partecipazione di soggetti profit è limitata esclusivamente alla posizione di associato esterno, motivando la partecipazione con lapporto di competenze e risorse finanziarie ulteriori/aggiuntive rispetto a quelle previste nel progetto.

No, lassociato esterno apporta risorse al progetto e vi partecipa, anche se in qualità di soggetto esterno, apportando ulteriori risorse o servizi. Pertanto, non può essere un soggetto che effettua prestazioni di servizi il cui costo è inserito nel piano finanziario.

No, rientrano tra gli Associati esclusivamente le scuole, le accademie, gli istituti di alta formazione anche di natura privatache abbiano ottenuto il riconoscimento del MIUR.

I massimali si riferiscono alla spesa massima ammissibile per ciascuna tipologia di spesa. Ovviamente il totale dei costi progettuali deve costituire il 100% del costo complessivo.

Rientra nelle specifiche funzioni della Commissione, che sarà designata, valutare linnovatività delliniziativa tenendo conto di quanto indicato nellAvviso.

Sì, lATS così composta è adeguata, ai sensi dellart. 3, punto 4, se i soggetti proponenti hanno le altre caratteristiche indicate dallarticolo 3.

Unazienda speciale, nellordinamento giuridico italiano, è un ente pubblico definito quale "ente strumentale" dell'ente locale, dotato di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di proprio statuto, approvato dal consiglio comunale o provinciale ovvero dall'organo legislativo di una Regione o Provincia autonoma.

Può partecipare in qualità di associato interno dellATS esclusivamente nel caso in cui sia senza scopo di lucro.

NO, ogni soggetto, sia in qualità di singolo, sia di Capofila, sia di associato in ATS, pena linammissibilità della domanda che propone, o a cui partecipa, come singolo, come capofila o come associato, può presentare una sola proposta progettuale e/o partecipare ad un solo progetto.

No. Il soggetto dotato di personalità giuridica è diverso e distinto dai soggetti che lo costituiscono. Il requisito previsto al punto 8 dellart. 3 dellAvviso deve quindi essere posseduto dal soggetto proponente singolo o capofila dellATS.

La quota di cofinanziamento, pari ad almeno il 25% del costo totale della proposta progettuale, va ripartita tra il proponente e gli associati, come previsto allart. 4 punto 3 dellAvviso.

Nella parte III della Scheda di progetto - punto 7 - occorre indicare le competenze professionali coinvolte specificando tutti gli elementi utili a supportare la valutazione della Commissione (età - titolo di studio eventuali titoli accademici riconoscimenti ufficiali ecc.), ma non occorre allegare i curricula che dovranno, comunque, essere acquisiti e tenuti a disposizione dellAmministrazione per eventuali verifiche.

No, i soggetti profit possono partecipare esclusivamente come associati esterni allATS.

Il requisito previsto dallart. 3 punto 8 dellAvviso è richiesto per il soggetto proponente singolo o, in caso di ATS, per il Capofila.

La risposta non è univoca, dipende dallautonomia riconosciuta ai singoli Dipartimenti dalla Statuto dellUniversità e comunque nel rispetto dellArt. 7 (Cause di esclusione), comma 1, lett. a.

Se si tratta di ente pubblico, lEnte può partecipare esclusivamente in qualità di Associato dellATS. Può partecipare quale proponente se ha le caratteristiche indicate nellAvviso.

Sì, gli enti morali sono individuati tra le categorie di organizzazioni che, ai sensi dell'art. 3, punto a), dell'Avviso, possono presentare una proposta progettuale in qualità di proponenti singoli o Capofila dellATS, purché le finalità istituzionali dellente non siano incompatibili con gli obiettivi dellAvviso, esclusi i soggetti profit.

Non vi sono quote prestabilite. E fatto obbligo al soggetto proponente singolo o, in caso di ATS, al capofila e agli associati interni, di garantire un cofinanziamento pari ad almeno il 25% del costo totale della proposta progettuale, mediante risorse finanziarie proprie o risorse umane e strumentali.

In caso di ATS da costituire è necessario che il legale rappresentante di ciascun associato dellATS provveda alla compilazione degli Allegati A1 e A2 dellAvviso, nonché alla sottoscrizione con firma digitale.

Gli allegati A1 e A2, reperibili alla pagina https://avvisigiovani.serviziocivile.it/, devono essere scaricati e salvati sul proprio computer. Dopo la compilazione con i dati richiesti devono essere presentati secondo le indicazioni previste allart. 8 dellAvviso. Non sono generati automaticamente dalla procedura on-line.

Il requisito previsto dallart. 3, punto 8 dellAvviso è richiesto per il soggetto proponente singolo o, in caso di ATS, per il Capofila.

Lente di ricerca associato interno allATS può essere soggetto pubblico o privato purché senza scopo di lucro. La qualità di ente di ricerca dovrà comunque risultare non solo dallo statuto dellente ma anche da elementi oggettivi che formeranno oggetto della valutazione della Commissione.

Non ci sono format specifici al riguardo: potranno essere formalizzati secondo le modalità previste dalla normativa vigente. Si precisa che la parte II della Scheda di progetto Allegato B - prevede un apposito spazio relativo agli associati esterni (punto C.1) ove è possibile inserire tutte le informazioni.

Limporto da inserire nella voce Importo progetti realizzati/finanziati della Scheda di progetto è lammontare del finanziamento ottenuto dal proponente per le attività progettuali realizzate coerenti con lambito di intervento di cui allAvviso e non il costo complessivo del progetto cui ha partecipato assieme ad altri.

Gli Enti ecclesiastici rientrano tra le categorie individuate dallAvviso per la presentazione di una proposta progettuale, in qualità di proponente singolo o di Capofila di ATS. Possono anche partecipare come associati solo se e in quanto rientranti tra i soggetti indicati allart. 3 lettera b).

Il calcolo delle attività realizzate negli ultimi 3 anni (2013-2015) è dato dalla somma dei finanziamenti e/o dei contributi ricevuti da enti pubblici o privati nel periodo in esame.

Il soggetto che partecipa è quello che rendiconta i propri costi; non può rendicontare costi di altri soggetti che non fanno parte direttamente dellATS.

Si intendono i giovani come risorse umane coinvolte nelle attività progettuali.

Domanda 1 e 2: Si, se rientrano tra i soggetti indicati nellAvviso.

Domanda 3: Laver realizzato negli ultimi 3 anni attività riconducibili agli ambiti di intervento per un importo complessivo pari ad almeno il doppio del finanziamento richiesto, è un requisito indispensabile previsto dallart. 3, punto 8 dellAvviso.

Il requisito va riferito ai finanziamenti e/o i contributi effettivamente ricevuti.

In caso di ATS la partecipazione di ciascun componente deve essere motivata dallapporto di competenze e risorse finalizzate al raggiungimento degli obiettivi della proposta progettuale, che deve essere descritta e dettagliata (parte II.B della Scheda di progetto) nella proposta progettuale e comprende anche la partecipazione finanziaria in termini di costi che vengono assunti dallassociato.

Dipende, se sarà o meno ritenuta dalla Commissione funzionale alla realizzazione del progetto.

Sì, se il soggetto operante in altra Regionerealizza attività previste nella proposta progettuale. La realizzazione di attività progettuali in più Regioni costituisce un elemento di valutazione della proposta progettuale da parte della Commissione.