Skip to the content

Regioni

Negli ultimi anni, a partire dal 2013, il Dipartimento ha sottoscritto accordi con le Regioni, per un valore di 17 milioni di euro circa, per la realizzazione di interventi diretti, in maniera sinergica, a realizzare Centri/Forme di aggregazione giovanile, atti a migliorare le condizioni di “incontro” dei giovani, alla prevenzione del disagio giovanile e al sostegno dei giovani talenti, nonché ad attività di orientamento e placement.

Nell’ottica dell’efficientamento amministrativo l’attività di monitoraggio del Dipartimento ha garantito un controllo sistematico dell’attuazione degli interventi, migliorando l’efficienza dell’azione amministrativa.

Per il 2019, secondo quanto sancito dalla Conferenza Unificata del 13 febbraio, la quota del Fondo destinata alle Regioni e alle Province Autonome, pari al 26%, è finalizzata a cofinanziare interventi territoriali in materia di politiche giovanili, volti a promuovere la partecipazione inclusiva dei giovani alla vita sociale e politica dei territori, anche al fine di consentire loro di concorrere al processo decisionale e poter orientare le politiche rivolte al target di riferimento;  progetti che vadano incontro alle aspettative di autonomia e realizzazione dei giovani; attività di orientamento multilivello e disseminazione, anche realizzate nel settore culturale, e/o finalizzate alla prevenzione in vari ambiti con particolare riferimento alla prevenzione del fenomeno delle nuove dipendenze legate ai giovani

Per il 2020, secondo quanto sancito dalla Conferenza Unificata rep. 12/CU del 29 gennaio 2020, la quota del Fondo per le politiche giovanili, destinata alle Regioni e alle Province Autonome, è pari ad euro 8.725.127,00 (corrispondente al 26%) ed è finalizzata a cofinanziare interventi territoriali in materia di politiche giovanili, volti a promuovere:

  • la partecipazione inclusiva dei giovani alla vita sociale e politica dei territori al fine, tra l’altro, di consentire loro di concorrere al processo decisionale e poter orientare le politiche rivolte al target di riferimento;
  • progetti che vadano incontro alle aspettative di autonomia e realizzazione dei giovani che promuovano la partecipazione diretta ad attività culturali e sportive, anche mediante l’utilizzo della carta giovani nazionale;
  • attività di orientamento e disseminazione di buone pratiche, finalizzate alla prevenzione del disagio giovanile nelle sue varie forme e con particolare riferimento alla prevenzione del fenomeno delle nuove dipendenze che riguardano le giovani generazioni.

Il grafico seguente illustra il Riparto del Fondo per le politiche giovanili per l’anno 2020, tra interventi di rilevanza nazionale (49% del FPG) e interventi territoriali (complessivamente pari al 51%).

» Sito Amministrazione Trasparente nel quale sono pubblicati tutti gli accordi con le PP.AA.